Oltre il mare Visualizza ingrandito

Oltre il mare

978-88-99877-41-5

Nuovo prodotto

Oltre il mare

a Khédija Gadhoum

traduzione di Antonio Nazzaro

144 pagine - isbn 978-88-99877-41-5

Maggiori dettagli

10,00 € tasse incl.

Dettagli

"Questa figlia del suo mondo (tunisino, questo “Sud” che contiene geo-politico-letteralmente altri “sud”) che prende per sé in alcuni aspetti il ruolo di Sheherazade, ma in una lingua adottata (lo spagnolo) e nella radicale condizione di straniera. È così che questa voce che si allontana dalla sua origine, che ha dovuto “andarsene/ (e ritrovarsi in patrie peregrine) “e sognare / (in lingue straniere per discendere)” e “migrare/ (verso la poetica-frontiera), che vive nell’esilio (“terra mia di ieri, oggi ridotta a un netto esilio”), decide e si vede obbligata ad assumere i compiti della poesia per ricrearsi, con appena la nostalgia necessaria di un passato già quasi fantasmatico (incluso nel lessico) per “addomesticare La amnesia come se fosse pioggia)”; compiti che la poetessa compie “(tra sogni deportati)” nel suo nomadismo forzato, pero vissuta con la gratitudine del pellegrino che ritrova se stesso nel suo nomadismo verso l’altro, l’altro e gli altri (ecco il metaforico/etico e antropologico di Oltre il mare), riorientare il verbo della sua nascita (“senza perdermi fuori dalle sagge parole”), la sua lingua ancestrale fino a farla altra/e, con laboriosa passione; molte sono le lingue che appaiono in questo libro – mostrate con un discreto formalismo nelle epigrafi e in alcuni gesti intertestuali/culturali multilingue delle stesse poesie- e tutta la ritmica che speranzosamente abita l’udito poetico della lingua scelta come seconda madre da Gadhoum, posto che in questo libro “nell’oscurità germinano le voci / fino all’aurora del nuovo giorno”, come si riconosce dal principio (nella poesia “genesi”), la “aurora” di un uomo nuovo, però non quello che è venuto mille volte ma quest’altro: “l’uomo [che] accende il fuoco all’uomo [a se stesso] e albeggia. / […] [oramai] senza spada senza pergamena”. (dal prologo di Luis Correa-Díaz)

Il volume è in italiano e spagnolo.